Al circolo Magazzino Parallelo arrivano gli Oswaldovi, duo proveniente dalla Repubblica Ceca

Martedì 30 Aprile 2019 - Cesena
Oswaldovi

Folk rock ispirato alle colonne sonore degli spaghetti western, al folkore e alla psichedelia europei, americani e africani interpretato da un duo che proviene dalla Repubblica Ceca. La musica degli Oswaldovi sarà protagonista al circolo Arci Magazzino Parallelo di Cesena in via Genova 70, martedì 30 aprile a partire dalle 22 per l'unica data italiana del loro tour europeo che è partito da Vienna e toccherà molti paesi europei come Francia, Spagna, Germania, Belgio e per concludersi nello loro base operativa che è Praga.


Oswaldovi sono un duo cecoitaliano composto da Andrea Rottin e Kateřina Malá: due voci, chitarra elettrica, batteria minimalistica e linee di basso al sintetizzatore. La loro musica è un rock psichedelico non ortodosso influenzato dal blues nordamericano anni Trenta e da quello tuareg, dal folklore sudeuropeo e dalle colonne sonore spaghetti western di stile morriconiano. Il tutto è caratterizzato da una ricerca di equilibrio tra la sperimentazione vocale ed un approccio vicino a forme tradizionali di canto corale.

Nel 2017 è uscito l'ultimo disco degli Oswaldovi intitolato Songs About Persecution. Il disco è ispirato a vicende di persone che hanno vissuto e migrato nei territori dell’Europa meridionale e nell’ex Austria-Ungheria dagli inizi del Novecento ad oggi, per motivi personali, perché perseguitate o per sfuggire a giochi di potere che minacciavano la loro esistenza. Nato a Treviso nel 1983, Andrea Rottin è l'anima italiana del duo, è stato uno degli animatori iniziali del Madcap Collective dal quale è uscita una buona parte della migliore musica di qualità italiana alternativa come Father Murphy, Comaneci, Beatrice Antolini, My Dear Killer ed è un musicista che sa unire il lato “tradizionale” del folk con quello eclettico di un cantautorato sghembo, ricercando temi familiari per poi romperli e sorprenderci. Gli piacciono i dualismi, le ambivalenze, la dolcezza della chitarra acustica e l’irruenza del noise, un cantato sussurrato accostato a un approccio punk e performativo. Andrea pubblica nel 2003 le sue “last songs” con Giorgio Tempesta e Carlo Veneziano. Al contrario di quanto indicato dal titolo, sono le prime di una lunga avventura musicale che continua arricchendosi della sua esperienza collezionata frequentando il corso di storia, teoria e restauro del cinema (Dams cinema) a Gorizia. Dopo “songs about nightmares” si trasferisce nell’Europa dell’est e, nel frattempo, contribuisce alla raccolta Jardim Elétrico – A Tribute To Os Mutantes per la Madcap Collective, gruppo di cui fanno parte i Father Murphy e Bob Corn. Nella Repubblica Ceca inizia a collaborare con gli Atlantic Cable e con i Dracula Farmers di Tomáš Přidal. Musica film muti, traduce, viaggia molto, suonando in club, case e rifugi anti-atomici.

Con gli Oswaldovi scrive un disco senza titolo con una copertina ogni volta diversa (le grafiche sono di Kateřina Horáčková) e sei brani che ci presentano un folk da spaghetti western, con un pizzico di psichedelia e nel 2017 un secondo disco sempre di sei tracce in compagnia della musicista Ceca Kateřina Malá. Oswaldovi è un’incarnazione che gli permette di sputare viscere e dolore per terra, coinvolgendo e commuovendo e per la prima volta avremo il piacere di poterli ascoltare e vedere in Romagna al Magazzino Parallelo di Cesena.

L'ingresso è a offerta libera riservato ai soci Arci.