Biblioteca Malatestiana: 155.059 prestiti nel 2017, Cesena la città in Romagna dove si legge di più

Mercoledì 7 Febbraio 2018 - Cesena
La Biblioteca Malatestiana

Tutti i numeri dell’attività del principale istituto culturale cittadino nell'anno appena concluso

Cesena è la città della Romagna dove si legge di più. O per lo meno, quella dove il rapporto fra i libri presi in biblioteca e il numero di abitanti è più alto. Con i 155.059 prestiti effettuati in Malatestiana nel corso del 2017 – con una media giornaliera di 455 - è come se ogni cesenate avesse prelevato dagli scaffali della biblioteca 1,6 libri (o dvd); decisamente al di sopra delle performance di Ravenna (1,15), Faenza (1,16), Forlì (0,81), Rimini (0,51). 

Questo è solo uno dei dati contenuti nella lettera che il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore alla Cultura Christian Castorri hanno inviato a tutti i Consiglieri comunali per informarli sull’attività svolta nel 2017 dal principale istituto culturale cittadino.

 

Ma l’andamento dei prestiti – già di per sé molto positivo - avrebbe potuto essere addirittura più lusinghiero se i lavori di restauro e riammodernamento della sezione ‘Saggistica’ (ormai conclusi) non avessero rallentato consultazioni e prestiti, determinando per questi ultimi una leggera flessione (-3% rispetto ai 2016). Anche in queste condizioni, però, confermano i numeri dell’anno precedente sia la mediateca che le altre sezioni di pubblica lettura, mentre si segnala l’exploit della sezione viaggi (+13% rispetto al 2016, per un totale di 5.596 prestiti). E sta prendendo piede anche il prestito di e-book, con un migliaio di richieste. 

Altissimi i numeri dei frequentatori: nel 2017 si sono registrati circa  280mila accessi nell’arco dei 341 giorni di apertura osservati dalla Biblioteca, con una media giornaliera di oltre 800 persone.

 

Spostando lo sguardo alla parte antica, nel corso del 2017 sono state 19.613 le persone che hanno varcato la soglia dell’Aula del Nuti, in linea con l’andamento dei visitatori negli ultimi 4 anni.

L’attenzione della Malatestiana antica da parte dei cesenati si è tradotto, anche nel 2017, nel restauro di alcuni codici malatestiani realizzato grazie all’intervento di ‘mecenati’, attraverso l’Art bonus. Sei gli antichi volumi su cui si è intervenuti: i codici D.VIII.1  “Epistulae” di San Girolamo, S.IV.3 “Corpus iuris civilis. Codex” di Giustiniano (entrambi ‘adottati’ dall’Associazione Amici della Biblitoeca Malatestiana), S.V.4 “Opera” di Galeno (restaurato grazie a Elisabetta Bovero), D.XVI.4 “Quodlibeta” di Enrico di Gand e D.XXVIII.3 “Commento ai salmi” di S. Giovanni Crisostomo (tutti e due sistemati grazie a Vladimiro Brighi), infine il D.XII.4 “Epistulae” di S. Cipriano (restaurato grazie al Credito Cooperativo Romagnolo).

 

Serratissima l’agenda degli eventi culturali ospitati in Malatestiana nel 2017: fra incontri, conferenze, reading, presentazioni di libri, si è arrivati a quota 341 (praticamente uno per ogni giorno di apertura). Fra essi spiccano quelli promossi dal Comitato Scientifico della Biblioteca Malatestiana, che hanno visto il coinvolgimento di personalità del calibro di Ivano Dionigi, Massimo Cacciari, Giovanni M. Flick, Andrea De Carlo. Grande successo anche per la giovane saggista Andrea Marcolongo: ad attestarlo, oltre al pubblico che ha gremito la sua conferenza, il fatto che il suo libro “La lingua geniale” dedicato al greco antico è schizzato ai vertici della classifica dei prestiti nella sezione saggistica (30 richieste). Il libro più richiesto in assoluto nel 2017 è stato il giallo “La ragazza del treno” di Paula Hawkins (47 prestiti), mentre fra i romanzi italiani il più richiesto è stato “Storia di chi fugge e di chi resta”, terzo volume della tetralogia dell’Amica geniale, firmata dalla misteriosa Elena Ferrante (31 prestiti). Nella sezione bambini e ragazzi mantiene il primato Harry Potter con il primo libro della saga (32 prestiti) seguito da “Diario di una schiappa. La legge dei più grandi” di Jeff Kinney (29) e “Colpa delle stelle” di John Green (27). Tra i film più richiesti si impone “Mommy” dell’enfant prodige Xavier Dolan, con 82 prestiti, invece il più gettonato fra i film per ragazzi è “Big Hero” (87 prestiti).

 

Nella loro comunicazione, sindaco e assessore ribadiscono inoltre l’impegno a rafforzare ulteriormente il rapporto con il pubblico della biblioteca e a migliorare il servizio e per questo ricordano l’indagine, attualmente in corso, avviata per conoscere le valutazioni degli utenti sui servizi offerti dalla Biblioteca. Già un migliaio le persone che hanno risposto al questionario.