Calcio / Cesena sull'orlo del fallimento. Arrivato il terzo No dall'Agenzia delle Entrate

Giovedì 28 Giugno 2018 - Cesena
Giorgio Lugaresi

E' arrivato anche il terzo no, questa volta in via definitiva, da parte dell'Agenzia dell'Entrate al piano di rateizzazione del debito con l'erario presentato dal Cesena, che ormai e' a un passo dal fallimento. La pec inviata in mattinata dall'Agenzia al club bianconero di fatto chiude ogni speranza, dopo che la societa' aveva provato a rispondere ai due "no" precedenti con altrettanti nuovi piani di ristrutturazione, entrambi pero' bocciati.


Per il presidente Giorgio Lugaresi - che domani dovra' anche far fronte alla richiesta presentata dalla Figc al tribunale delle imprese di Bologna per commissariare la societa' - e' il de profundis definitivo, dopo che nei giorni scorsi era arrivato anche il deferimento della Procura Federale per la questione plusvalenze con il Chievo. Ma non ci sara' piu' nessun Cesena a scontare gli eventuali punti di penalizzazione, visto che il club chiudera' i battenti (impossibile iscriversi alla B entro il 30) e dovra' provare a ripartire dall'Eccellenza o dalla D. Decisivo il passivo accumulato, qualcosa come 73 milioni di euro di debiti con l'erario, lievitati in questi anni visto che nel giugno di un anno fa era di circa 58 milioni, mentre addirittura era di 30 quando la societa' nel 2013 passo' da Igor Campedelli a Lugaresi. Intanto i tifosi della Curva Mare, cuore del tifo cesenate, hanno annunciato un corteo per sabato alle 18 sotto la curva del "Manuzzi" mentre il sindaco Lucchi e' pronto a indire un bando, come accaduto qualche mese fa a Modena, per dare vita al nuovo Cesena per i dilettanti.