Cassa di Risparmio di Cesena: presidente Giancarlo Forestieri e vice Roberto Ghisellini

Martedì 9 Gennaio 2018 - Cesena
Roberto Ghisellini, vice presidente della Cassa di risparmio di Cesena "targata" Credit Agricole

Nominata dall'assemblea dei soci la nuova governance dopo l'acquisizione da parte di Credit Agricole Italia: Massimo Tripuzzi direttore generale. Nuovi finanziamenti all'economia per circa 1,1 miliardi di euro nel triennio 2018-2020

Nuova governance per la Cassa di risparmio di Cesena dopo l'acquisizione da parte di Credit Agricole Italia. Oggi (martedì 9 gennaio) l'assemblea dei soci ha infatti nominato il nuovo cda: con Giancarlo Forestieri presidente - aveva lo stesso ruolo in Cariparma dal 2003 al 2007 - e Roberto Ghisellini vice presidente, entrano Olivier Guilhamon, Vittorio Ratto, Jean-Philippe Laval, Matteo Bianchi e Roberto Graziani. Massimo Tripuzzi e' stato scelto quale direttore generale. I soci hanno inoltre nominato il collegio dei revisori: il presidente e' Luigi Capitani, Alberto Guiotto e Michele Bocchini sindaci effettivi, Guido Prati e Andrea Zanfini sindaci supplenti.

Come spiega una nota dell'istituto di credito, cda e direttore generale "avvieranno l'implementazione del Piano industriale, focalizzato al rilancio e alla crescita dei segmenti famiglie e imprese sul territorio". Con, nello specifico, nuovi finanziamenti all'economia per circa 1,1 miliardi di euro nel triennio 2018-2020, con una crescita media del 10% circa, superiore alle stime di mercato. E inoltre "importanti" investimenti per lo sviluppo di nuovi modelli di filiale, nuovi prodotti e l'adozione dei sistemi informativi. Per una crescita stimata della clientela del 15%.
A valle dell'operazione di acquisizione di Caricesena, Carim e Carismi, perfezionata a dicembre 2017, il gruppo bancario Credit Agricole Italia supera i due milioni di clienti, raggiungendo in Emilia-Romagna una quota di mercato del 10,7% circa. 

A livello mondiale Credit Agricole e' presente in 52 Paesi con piu' di 50 milioni di clienti e 138 mila collaboratori. Nei primi nove mesi del 2017 ha riportato ricavi per 24 miliardi di euro, in crescita di quasi il 7%, e un utile netto di 5,6 miliardi di euro, in risalita del 35%. In Italia ha chiuso i primi nove mesi del 2017 con un risultato netto aggregato gestionale di 588 milioni di euro, in crescita del 22,5% rispetto allo stesso periodo del 2016. Impiega piu' di 14.000 collaboratori per un finanziamento all'economia di oltre 70 miliardi di euro, al servizio di quattro milioni di clienti.


Il nuovo cda esprime "il proprio apprezzamento a istituzioni, organi sociali e dipendenti, che hanno contribuito fattivamente al buon esito dell'operazione che ha condotto la banca all'ingresso nel gruppo bancario Credit Agricole Italia".