Comune e sindacati mettono le società partecipate di Cesena sotto la lente d'ingrandimento

Sabato 11 Novembre 2017 - Cesena
Il sindaco di Cesena Paolo Lucchi durante un incontro

Si procede con il riordino, ma tenendo sempre in primo piano la qualità dei servizi erogati e la tutela dei lavoratori che operano nelle società stesse

Comune di Cesena e Cgil, Cisl e Uil confederali del territorio cesenate hanno siglato un protocollo d'intesa per aprire un confronto sulle strategie e le modalità di esercizio del controllo pubblico sulle Società Pubbliche o Partecipate nell'attuazione del processo di riordino, per determinare corrette valutazioni circa gli impatti sui rapporti di lavoro e assicurare trasparenza, partecipazione e piena informazione sulle scelte da adottare. Il criterio prioritario di valutazione dovrà essere il perseguimento del migliore livello dei servizi ai cittadini, alle condizioni economiche più vantaggiose, e al contempo si dovrà puntare a realizzare e garantire le migliori soluzioni occupazionali dei dipendenti.

Avanti con il riordino delle società partecipate, ma tenendo sempre in primo piano la qualità dei servizi erogati e la tutela dei lavoratori che operano nelle società stesse. Questo, in estrema sintesi, il senso del protocollo d’intesa siglato fra Comune di Cesena e Cgil, Cisl e Uil confederali del territorio cesenate, in occasione dell’incontro fra le parti svoltosi a Palazzo Albornoz. Il documento è stato sottoscritto per l’amministrazione comunale dal sindaco Paolo Lucchi e dal vicesindaco Carlo Battistini, e per le organizzazioni sindacali dal segretario Cgil Silla Bucci, dal segretario Cisl Filippo Pieri e dal segretario Uil Marcello Borghetti.

Punto di partenza l’esigenza di aprire un confronto fra le parti sulle strategie e le modalità di esercizio del controllo pubblico sulle Società Pubbliche o Partecipate, nella convinzione che questo sia uno strumento fondamentale, nell'attuazione del processo di riordino, per determinare corrette valutazioni circa gli impatti sui rapporti di lavoro e assicurare trasparenza, partecipazione e piena informazione sulle scelte da adottare. In questo contesto, Amministrazione comunale e organizzazioni sindacali hanno convenuto sulla necessità di definire un percorso condiviso di confronto per garantire, da un lato, la qualità dell'erogazione dei servizi pubblici ai cittadini e, dall’altro, la tutela occupazionale dei dipendenti.

Le azioni previste nell’ambito del protocollo d’intesa sono l’avvio di monitoraggio delle Società partecipate con la condivisione fra le parti dei risultati ottenuti, e l’apertura di un tavolo di confronto fra Comune e organizzazioni sindacali per seguire l’evoluzione dei processi di riordino e razionalizzazione delle Società partecipate sulla base di quanto previsto dalle normative. A questo tavolo sarà affidato il compito di monitorare lo stato di avanzamento dei percorsi di riordino delle Società partecipate del Comune di Cesena e le loro progettualità. In questo contesto, il criterio prioritario di valutazione dovrà essere il perseguimento del migliore livello dei servizi ai cittadini, alle condizioni economiche più vantaggiose, e al contempo si dovrà puntare a realizzare e garantire le migliori soluzioni occupazionali dei dipendenti, anche attraverso una valorizzazione delle loro competenze.