Chiusura E45. Emilia-Romagna, Umbria e Toscana chiedono al Governo il rispetto degli impegni presi

Giovedì 28 Marzo 2019 - Bagno di Romagna, Mercato Saraceno, Verghereto
Foto di archivio

Le Regioni Emilia-Romagna, Umbria e Toscana hanno scritto al presidente del Consiglio dei Ministri e ai ministri dello Sviluppo economico, dei Trasporti e dell’Economia per chiedere "il rispetto degli impegni, annunciati più volte dal Governo, di far fronte ai gravi disagi per le imprese, i lavoratori e i cittadini innescati dal sequestro del viadotto Puleto, e la conseguente chiusura della E45. In ballo, con migliaia di posti di lavoro, ci sono intere famiglie che rischiano di veder sfumare l’unica fonte di reddito". 

 

"E, - proseguono le Regioni - con l’avvicinarsi della stagione estiva, anche il comparto del turismo potrebbe subire un duro contraccolpo aumentando una crisi in grado di mettere in ginocchio interi territori interessati dal passaggio dell’arteria che collega Romagna e Toscana fino al centro Italia. A 70 giorni dalla chiusura della E45, le tre Regioni e gli Enti locali coinvolti insistono, nella lettera al Governo, su tre punti in particolare: l’assenza di risposta sulla richiesta congiunta di stato di emergenza nazionale, il nulla di fatto dopo l’impegno preso dal ministero del Lavoro - il 5 marzo scorso - di utilizzare gli ammortizzatori sociali a sostegno delle aziende e dei lavoratori dipendenti e autonomi, il non accoglimento della richiesta di incontro da parte dei sindaci con il ministro dello Sviluppo economico. Da qui la richiesta di un incontro urgente a Roma per valutare insieme la situazione e per concordare gli interventi urgenti da adottare".

 

Le Regioni e gli enti locali coinvolti, si legge sempre nella lettera, "hanno fatto la propria parte assumendo prime misure di risposta ai bisogni del territorio che in alcun modo possono però ritenersi sufficienti e soddisfacenti. E mentre a Cesena si è tenuto oggi un nuovo summit tra Regione, Enti locali e parti sociali, è di queste ore l’annuncio del raddoppio dei fondi da parte della Regione Emilia-Romagna, che sarà formalmente adottato nella seduta di Giunta del 1^ aprile, da 250 a 500mila euro. Si tratta di risorse immediatamente disponibili per imprese e lavoratori, studenti e famiglie dei Comuni dell'Unione Valle Savio e dei Comuni di Roncofreddo, Sogliano al Rubicone e Sant'Agata Feltria. Anche in questo caso, elemento qualificante dell'intervento, particolarmente apprezzato da imprese e sindacati, sarà la velocità e la semplicità: spetterà infatti all'Unione e ai Comuni provvedere direttamente alla gestione delle domande e all'erogazione dei contributi economici, rendendo particolarmente efficace la misura decisa dalla Regione".

 

E accanto alle risorse previste dallo stato di crisi regionale, la Regione "aveva già deciso di mettere a disposizione anche un altro strumento previsto dalla legge di bilancio: il contributo, in termini di ristoro di Irap, previsto per tutte le imprese dei comuni montani, è stato esteso a tutte quelle direttamente colpite nella zona, che potranno godere automaticamente di questo beneficio sull’Irap già pagata nel 2018. /BB".