CNA Pensionati. A Cesena un incontro pubblico per fare chiarezza sul biotestamento

Lunedì 7 Maggio 2018 - Cesena
Alvaro Attieni

A Cesena è previsto un incontro organizzato da CNA Pensionati di Forlì-Cesena aperto a tutti i cittadini con Donata Lenzi, relatrice della nuova legge sul biotestamento, al fine di comprendere meglio una materia delicata, con aspetti giuridici ma anche etici e sociali. Il 9 maggio alle 15,30 verranno presentate le posizioni favorevoli e contrarie che si sono contrapposte negli anni, voci che spesso confondevano il biotestamento con l’eutanasia contribuendo a generare ulteriori incomprensioni.


Nella sala Multimediale Tecnovie, in via dell’Arrigoni 120 a Cesena, si terrà dunque un incontro informativo, cui parteciperanno l’On. Donata Lenzi, relatrice della legge in Parlamento, e la dott.ssa Patrizia Cuppini, direttore Unità Operativa Medicina d’Urgenza P.S. Cesena.

“Il 31 gennaio 2018 – afferma Alvaro Attiani, presidente di CNA Pensionati di Forlì-Cesena – è entrata in vigore la legge 219, recante “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”, quella che comunemente viene identificata come Testamento Biologico. Essa ribadisce un principio importante, contenuto negli artt. 2, 13 e 32 della Costituzione, che tutela il diritto alla vita, alla salute, alla dignità ed all’autodeterminazione della persona e stabilisce che nessun trattamento sanitario può essere iniziato o perseguito se privo del consenso libero ed informato”.

Il testamento biologico è un documento al cui interno il cittadino può indicare le Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT), ovvero a quali trattamenti sanitari intende essere sottoposto, nel caso in cui non fosse più in grado di comunicarle ai medici. È, in altri termini, una ratifica di volontà, espressa in condizione di lucidità mentale, riguardante terapie e trattamenti sanitari a cui ci si intende, o meno, sottoporre, qualora non si fosse più in grado di esporre il proprio volere a causa di patologie o lesioni invalidanti.

“L’iter, politico prima e parlamentare in seguito – conclude Attiani – è stato molto lungo, scandito da molteplici polemiche e discussioni su altri temi di natura bioetica, come il suicidio assistito e l’eutanasia. Ogni persona può avere le proprie idee e convincimenti ma in questa sede dobbiamo solo fornire le informazioni più corrette relative al biotestamento. Per questo si affronteranno anche aspetti tecnici e pratici, quali: come redigerlo, perché nominare un fiduciario, come autenticarlo, ecc”.

L’incontro è gratuito ed è aperto a tutti i cittadini interessati. Per ulteriori informazioni: Egidio Liverani, tel. 0543 770220 – email egidio.liverani@cnafc.it