Comune di Cesena. Approvato il progetto di un nuovo ponticello in via Canapino

Sabato 9 Giugno 2018

Sostituirà quello attuale, inadeguato alla portata idrica dello scolo Arla

Un nuovo ponticello sostituirà quello che oggi scavalca lo scolo consorziale Arla, in via Canapino. Nei giorni scorsi la Giunta ha approvato il progetto preliminare-definitivo dell’intervento, inserito nel programma 2018 per il ripristino delle opere in cemento armato. L’importo stanziato per i lavori è di circa 120mila euro.


“Il rifacimento del ponticello di via Canapino – spiegano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi – si rende necessario perché la sua sezione idraulica risulta insufficiente rispetto alla portata dell’Arla. Non a caso, le precipitazioni particolarmente violente, che purtroppo si sono verificate negli ultimi anni, hanno messo in rilievo l’inadeguatezza del ponte, facendo registrare anche alcuni episodi di esondazione che hanno coinvolto le proprietà vicine. E proprio per questo l’opera che abbiamo appena approvato era stata segnalata dai cittadini fra le richieste di Carta Bianca”.

 

Da un punto di vista tecnico, il progetto prevede in primo luogo, la demolizione della struttura esistente, che era stata costruita negli anni Settanta con l’utilizzo di una condotta circolare del diametro di 1,5 metri, e il contestuale spostamento delle tubature di acqua e gas che si trovano a margine del ponte. Si passerà poi alla costruzione della nuova struttura, per la quale saranno usati scatolari prefabbricati in cemento armato delle dimensioni di metri 3,5 x 1,5. A completare il quadro, la realizzazione di muretti di testata in cemento armato e il rifacimento della carreggiata stradale. Sulle spalle del nuovo ponte sarà montato un guard rail con corrimano.

 

“Ma nella somma stanziata – specificano il Sindaco Lucchi e l’Assessore Maura Miserocchi – rientrano anche più limitate opere di manutenzione, che riguardano la passerella pedonale sul Savio, in zona ex Zuccherificio, e i ponticelli in legno di via Matalardo e di via Cesenatico. In tutti e tre i casi, infatti, lo strato superficiale protettivo appare compromesso e va sistemato”.