Comuni del Rubicone. Periodo di rinnovamento per la Polizia Municipale: tanti i progetti in campo

Martedì 29 Maggio 2018 - Gatteo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, Sogliano al Rubicone

Polizia Municipale dell’Unione Rubicone e Mare al centro di dibattito e confronti dopo un anno intenso di debutto di numerosi progetti condotti in forma associata tra i diversi Comuni. 


“Per la Pm – spiega il presidente dell’Unione Filippo Giovannini – è sicuramente una fase di transizione dovuta in primis, come inevitabile, all’avvicendamento tra i Comandanti: a Roberta Miserocchi, che tutti ringraziamo per quanto fatto in otto preziosi anni di servizio sul territorio, è infatti subentrato in questi giorni Alessandro Scarpellini, già in forze al Comando di Cesenatico. Da pochi giorni, poi, gli uffici direzionali si sono insediati nella nuova sede in centro a Gatteo dopo trasloco e ridefinizione degli spazi, mentre rimane sempre attivo il front office di Savignano in piazza Borghesi”.

Proprio con il neocomandante gli amministratori dei Comuni coinvolti fanno ora il punto: la sicurezza urbana è al centro del dibattito di questi giorni in occasione del rinnovo dell’Unità antidegrado, la task force di agenti specializzati dedicata al contrasto della microcriminalità. “I risultati dell’Unità antidegrado in questi dodici mesi sono incontestabili – spiega Piero Mussoni, sindaco con delega alla Pm in Unione - tanto nel contrasto all’abusivismo commerciale quanto alla microcriminalità urbana, in particolar modo contro spaccio e furti. In fase di rinnovo c’è, doverosamente, un’esigenza di confronto tra le diverse amministrazioni, che non mette però in discussione il lavoro fatto finora e soprattutto i sostanziosi risultati conseguiti. Risultati conseguiti - e mi preme sottolinearlo - grazie all'impegno di tutto il Comando, tanto degli agenti impegnati nell'Unità antidegrado quanto di quelli che quotidianamente si fanno carico dei tanti altri compiti affidati alla Pm”. Tra i punti all’ordine del giorno c’è quindi un’ulteriore potenziamento del pattugliamento notturno per contrastare comportamenti illeciti, disturbo della quiete pubblica ed episodi, soprattutto nel fine settimana di sosta selvaggia.


Corposo anche lo sforzo richiesto alla Pm, in questi mesi, dalle nuove disposizioni della Prefettura in materia di safety e security durante gli eventi pubblici con alto afflusso di partecipanti: anche l’estate 2018 non sarà da meno visto l’intenso cartellone di manifestazioni tra riviera e collina. Grande slancio, negli ultimi mesi, anche a un altro progetto di deterrenza, quel 'Controllo di vicinato' che, costruendo reti di fiducia all’interno delle comunità di quartiere, rende il cittadino stesso un soggetto attivo nella creazione di contesti urbani in cui sentirsi sicuri.


Ma il 2017 è stato anche l’anno del debutto dei Velo ok, che fin dalla prima fase sperimentale hanno fatto registrare ottime performance in termini di contenimento della velocità da parte degli automobilisti: l’installazione di ulteriori colonnine e il presidio periodico con strumentazione di controllo della velocità sono altri argomenti di questa fase di confronto. Con le stesse finalità l’Unione porta avanti anche l’iter, in collaborazione con la Prefettura, per ottenere di potersi occupare di controllo della velocità, con le proprie apparecchiature di monitoraggio, non solo sulle strade urbane ed extraurbane, ma anche nei propri tratti di competenza di superstrada E45 e Statale Adriatica.


“Punto fermo dell’attività della Pm – concludono i sindaci - rimangono il presidio del territorio con le pattuglie e il dialogo con i cittadini, fondamentale per mantenere alto il grado di attenzione sulle problematiche sollevate dai residenti su tutti gli ambiti di intervento della Pm, dalla viabilità alla sicurezza urbana” .