Degrado urbano Cesenatico. Controlli nelle colonie a Ponente: scoperte due occupazioni abusive

Mercoledì 22 Agosto 2018 - Cesenatico
Fin dalle prime luci dell'alba sono scattati i controlli dei carabinieri nelle colonie di Cesenatico (foto d'archivio)

Operazione dei carabinieri, coadiuvati dall'unità cinofila da Bologna specializzata nella ricerca di sostanze stupefacenti, e da personale della Polizia Municipale

Una serie di controlli nella zona delle colonie, a Ponente, è stata effettuata a partire dalle prime luci dell’alba di oggi - mercoledì 22 - dai carabinieri di Cesenatico, coadiuvati dall'unità cinofila da Bologna specializzata nella ricerca di sostanze stupefacenti e da personale della Polizia Municipale di Cesenatico. L'operazione è stata svolta anche in risposta ad alcune segnalazioni di situazioni di degrado pervenute dai cittadini e al fine di prevenire e reprimere la commissione di reati, oltre a verificare la regolarità della permanenza sul territorio nazionale da parte delle persone eventualmente presenti.

Come informa un comunicato dell'Arma, è stata ispezionata la “Colonia Santarcangiolese”, dove, al secondo piano, veniva trovato ed identificato un trentatreenne, nato in Costa d’Avorio, in regola col permesso di soggiorno ed incensurato, al quale è stato intimato di abbandonare la struttura, che aveva occupato abusivamente. E’ stata poi tagliata una catena con lucchetto che impediva l’accesso ad un’altra stanza, segno dell’occupazione abusiva della stessa, come camera da letto, al cui interno però non vi era alcuna persona presente. In tutta la struttura è stata riscontrata la presenza di parecchio materiale in stato di abbandono.

Sono stati, poi, eseguiti ulteriori controlli nella “Colonia Bambini di San Francesco”, dove si accertava che solo il primo piano, dei tre che compongono la struttura, presentava elementi chiari circa l’occupazione del fabbricato da parte di ignoti. Nel corso dell’ispezione giungeva in bicicletta un extracomunitario, che confermava di abitare lì, identificato in un quarantaduenne nigeriano, in regola con i documenti identificativi, al quale è stato intimato di abbandonare la struttura, occupata abusivamente.

La ricerca, in tutti i locali, di eventuale sostanza stupefacente ha dato esito negativo.

Gli enti proprietari delle strutture verranno sollecitati a mettere in atto tutta una serie di interventi al fine di preservare l’incolumità fisica di eventuali passanti, considerata l’incuria in cui le stesse si trovano e verranno invitati a valutare l’opportunità di presentare eventuali querele per le violazioni di domicilio accertate.