Edilizia Scolastica. Approvate opere di manutenzione straordinaria per oltre 2 milioni di euro

Sabato 3 Novembre 2018 - Cesena

L'obiettivo è rendere più sicure le scuole cesenati attraverso interventi per il miglioramento sismimico ed energentico

Nell’ultima seduta, la Giunta comunale ha approvato tre provvedimenti, per un importo complessivo di 2 milioni e 50mila euro, che aprono la strada a lavori di manutenzione straordinaria in undici istituti comunali.

“Prosegue così – sottolineano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi – l’impegno del Comune sul fronte dell’edilizia scolastica, che solo nell’estate scorsa ci ha portato a mettere in cantiere altri numerosi progetti, per un importo complessivo di circa 2 milioni e mezzo. Con le tre delibere appena approvate aggiungiamo una cifra altrettanto importante, che permetterà di rendere più sicuri i nostri edifici scolastici, con una particolare attenzione soprattutto da un punto di vista antisismico, in linea con il programma avviato in questi anni dall’Amministrazione comunale per adeguare il patrimonio edilizio scolastico e così tutelare i nostri bambini e ragazzi”.

Con la prima delibera, la Giunta ha deciso di dirottare sulla scuola primaria “Munari” di S. Egidio la somma di 1 milione e 250mila euro proveniente dal mutuo che era stato acceso con la Cassa Depositi e Prestiti per completare il progetto di riqualificazione delle piazze Almerici, Bufalini e Fabbri.

Come si ricorderà, il progetto delle tre piazze aveva ottenuto un finanziamento di 1,8 milioni di euro messo a disposizione dal Bando periferie, la cui erogazione è stata ‘congelata’ dal Governo. Così l’Amministrazione comunale ha deciso di rinviare la realizzazione di questo intervento al 2019, con l’intento di reperire i fondi mancanti – in caso di mancato arrivo del finanziamento statale – attraverso la partecipazione al bando per la rigenerazione urbana della Regione Emilia Romagna.

Da qui la scelta di utilizzare il mutuo per finanziare il miglioramento sismico ed energetico della scuola Munari. Anche qui l’impegno economico del Comune si affianca a un finanziamento statale: l’importo complessivo dell’opera, infatti, ammonta a 2,5 milioni di euro, di cui la metà coperti da un contributo ministeriale. Ma proprio per questo, occorre che i lavori inizino entro l’agosto 2019: in caso contrario, infatti, si rischierebbe il ritiro del finanziamento.

Alla Giunta, quindi, è parso opportuno anticipare lo stanziamento per accelerare i tempi dell’intervento. Ammonta a 300mila euro, invece, lo stanziamento – coperto con i fondi ministeriali della “Buona Scuola” - il progetto appena approvato per la manutenzione straordinaria della scuola elementare Oltresavio e della scuola media Malatesta Novello di via Pascoli. In entrambi gli edifici sono previste soprattutto opere per la messa in sicurezza dei soffitti, allo scopo di evitare lo sfondellamento (cioè il distacco e la caduta della parte inferiore delle pignatte o dell’intonaco) e di garantire la stabilità degli elementi sospesi, quali laterizi e controsoffitti componenti i solai.

Infine, con la terza delibera, è stato approvato il progetto definitivo, dell’importo di 500mila euro, per interventi migliorativi in altri otto plessi scolastici. Si tratta delle scuole dell’infanzia di San Vittore, Case Castagnoli, Calabrina, dell’asilo nido Ippodromo, della scuola primaria di Borello, dei complessi scolastici di Calisese, Vilal Chiaviche, Ponte Abbadesse (dove si interverrà anche sulla cucina). Fra le opere previste, anche in questo caso, ci sono interventi di antisfondellamento dei solai, ma il pacchetto comprende anche lavori di adeguamento igienico-sanitario cucine ed impianti.