Enogastronomia. Palermo a Cesenatico per l’Anteprima del Festival Internazionale del Cibo di Strada

Mercoledì 30 Maggio 2018 - Cesenatico

A Cesenatico si terrà l’Anteprima del Festival Internazionale del Cibo di Strada di Cesena e si svolgerà nelle giornate del 1, 2, 3 giugno presso la centralissima Piazza Andrea Costa, accanto al grattacielo. Questi gli orari: venerdì 1, dalle ore 12 fino a notte; Sabato 2, dalle ore 12 fino a notte; Domenica 4, dalle ore 12 fino a tarda sera. 

 

Dopo lo straordinario successo che riscuote ogni anno a Cesena, Il Festival Internazionale del Cibo di Strada, organizzato da Confesercenti Cesenate, Slow Food Cesena e Conservatoire des Cuisines Méditerranéennes, fin dall’anno 2000, terrà la sua Anteprima a Cesenatico nel primo ponte importante dell’estate. Gli organizzatori del famoso Festival di Cesena, riconosciuto come la fonte e l’origine della «moda» che si è scatenata in tutta Italia e anche all’estero per questo tipo di gastronomia, si approcciano alla riviera cesenate, protagonista essa stessa alla manifestazione con il pesce fritto al cono e altre prelibatezze preparate dall’Associazione Ristoratori di Cesenatico.

 

IL PRIMO VERO CIBO DI STRADA

 

Ormai, infatti, si parla dovunque del cibo di strada e ci sono moltissimi tentativi di imitazione, ma la prima iniziativa (nel 2000) a mettere in campo e a dar valore a questo tipo di gastronomia è stata proprio la manifestazione di Cesena, che ha creduto da sempre in questo straordinario incontro di culture. Con la nascita delle città nella civiltà mediterranea, prende forma l’idea di cibo di strada (street food) che – servito nei caratteristici chioschi o offerto da venditori ambulanti – costituisce la più antica e autentica forma di ristorazione. Semplice nella preparazione, legato alle tradizioni agro-alimentari del territorio a cui appartiene, il cibo di strada è probabilmente la più onesta tra le diverse forme di offerta gastronomica, quella meno soggetto all’influenza di mode passeggere, quella che maggiormente consente di leggere la storia (non solo gastronomica) di una città e dei suoi abitanti. E dalle rive del Mediterraneo la tradizione del cibo di strada si è estesa col tempo a tutti quei luoghi del pianeta in cui il clima e lo sviluppo delle relazioni sociali ne consentivano la realizzazione: lontano Oriente, Africa, America Latina, per non parlare dei paesi “nuovi” come l’Australia e gli Stati Uniti che hanno assorbito e fatto propri i più diversi cibi di strada importati in seguito alle diverse ondate immigratorie.

 

PALERMO A CESENATICO

 

Tra i tanti cibi di strada, a Cesenatico sarà presente Palermo, con l’Antica Focacceria San Francesco. Verrà proposto il classico pani ca’ meusa, l’arancina di riso, la caponata, il cannolo e tante altre prelibatezze. Le origini del pani ca’ meusa sembrano risalire agli arabi che, per nutrire le popolazioni del tempo, usavano confezionare la cosiddetta “guastedda” o focaccia. Aggiungendo alla “guastedda” una farcitura di carne e del limone spremuto si arriva, appunto, al “pani ca’ meusa”, di cui esistono peraltro due differenti versioni: una versione cosiddetta “al limone” e una versione con aggiunta di ricotta fresca e caciocavallo tagliato a listarelle. La caponata è un prodotto tipico della gastronomia siciliana e ne esistono numerose varianti, a seconda degli ingredienti. Ottimo mix di verdure, si presta a tante interpretazioni: antipasto, contorno, sugo per la pasta. La caponata è generalmente utilizzata oggi come contorno o antipasto, ma sin dal 1700 costituiva un piatto unico, accompagnata dal pane; nella versione “barocca” la caponata era la salsa di accompagnamento al pesce capone (da cui pare derivi l’etimologia) che, insieme ad aragoste e polpetti, veniva dapprima fritto, poi maneggiato con le melanzane, le verdure e l’agrodolce e infine riccamente decorato con le chele delle aragoste. A Cesenatico saranno presenti molti operatori, accuratamente scelti dagli organizzatori del Festival cesenate, colonne portanti del cibo di strada.

 

• Tra le tante prelibatezze si potranno trovare: ARGENTINA - Churrasco de angus, Empanada criolla, Choripan, ecc. MESSICO - Tacos, Enchiladas, Totopos sonora, Guacamole, ecc. TOSCANA – Panino con il lampredotto bollito, trippa alla fiorentina, ecc. CAMPANIA – Pasticceria napoletana con Sfogliata, Babà, Coda d’aragosta, Pastiera, ecc. PUGLIA (Murge) – Il Fornello della Murgia con Bombette, Gnumeridd, Zampina, Salsiccia a punta di coltello, ecc. SICILIA (Palermo) - Pani ca’ meusa, Panelle, Arancine di riso, Cannoli, ecc. ABRUZZO (Chieti) – Arrosticini di pecora, Hamburger di pecora, ecc. MARCHE (Ascoli Piceno) – Olive all’Ascolana e fritto misto all’ascolana ecc. EMILIA (Parma) – Torta fritta (gnocco fritto) con salumi emiliani, ecc. ROMAGNA (Cesenatico) - Pesce fritto al cono, piadina, ecc. E poi: vini, birre e bevande provenienti da ogni territorio. Musica, animazioni di strada, incontri, degustazioni e tanto altro ancora…

 

INFO

 

www.cibodistrada.com 

www.confesercenticesenate.com 

info@confesercenticesenate.com 

facebook.com/festivalcibodistrada