Eventi. A Santarcangelo il 7 luglio seconda giornata del Festival tra misteri e rituali del corpo

Venerdì 6 Luglio 2018
Santarcangelo Festival

Sabato 7 luglio la seconda giornata di Santarcangelo Festival 2018, che inizia dal mattino e prosegue fino a notte fonda con molti eventi di respiro internazionale e appuntamenti speciali in piazza. Arte, musica, spettacolo e cinema sono solo alcuni degli ingredienti che formano uno degli appuntamenti più attesi della bassa Romagna, scattato ieri, giovedì 6 luglio e in programma sino a domenica 15 luglio.


Continuano Tamara Cubas con Multitud, Alessandro Sciarono con Don’t be frightened of turning the page, Michelle Moura con FOLE, Ligia Lewis con minor matter e Francesca Grilli con Gold – rising version. Dopo il debutto di ieri, Multitud si terrà alle 20 in Piazza Marconi a ingresso libero. "Multitud non propone un'idea unica sul mondo ma piuttosto accoglie quello che insieme possono diventare i nostri mondi" -ha spiegato la Cubas- "Ecco perchè entrano in gioco dimensioni temporali altre e relazioni fisiche molto intense. Le convenzioni teatrali e quelle sociali si fondono in un lavoro che mette al centro i corpi e i rapporti di forza tra essi. Corpi esposti, vulnerabili, liberi, che nella loro nudità esprimono un potenziale esplosivo".

Artista associato del Festival, Markus Öhrn dalla Svezia debutta con The Unknown, progetto che invita lo spettatore a fare un atto di fede, prendendo parte ogni sera a una performance unica e irripetibile, di cui non conosce l’autore fino al momento dell’incontro. Uno spazio scenico nei pressi di Imbosco (Parco Baden Powell, ogni sera dalle 23.30 a mezzanotte) sarà abitato per otto notti da quattro artisti italiani e quattro artisti svedesi provenienti da diverse esperienze: Damiano Bagli, Federica Dauri, Janet Rothe, Linnea Carlsson, Linnea Sjöberg, Makode Linde, Mara Oscar Cassiani, Maurizio Rippa e Oskar Nilsson.

Per la prima volta in Italia, la coreografa greca Panagiota Kallimani presenta Arrêt sur image (Scuola Pascucci), performance frutto di un laboratorio con bambini del territorio che si svolge in uno dei luoghi della loro quotidianità. La scuola si trasforma in uno spazio scenico surreale, straniante, in cui esplorare un nuovo ritmo. Dal confronto con l’infanzia è nato anche I am within, (20.30, Spazio Saigi), della compagnia Dewey Dell di Cesena: una coreografia intima in cui la giovanissima protagonista porta in scena le sensazioni, le paure, le immagini associate al complesso tema della morte.

La live artist britannica di origini libanesi Tania El Khoury porta per la prima volta in Italia As Far As My Fingertips Take Me (Scuola Pascucci). La performance è un dispositivo della durata di 10 minuti in cui uno spettatore e un rifugiato si incontrano attraverso un muro che, anziché dividere, permette il contatto attraverso un foro. Non possono vedersi, ma ascoltarsi e sfiorarsi: il racconto della sua storia diventerà un disegno sulla pelle di chi ascolta.

Motus, altri artisti associati del Festival, presentano questa sera e domani (ore 21.30, Piazza Ganganelli, ingresso libero) CHROMA KEYS, una performance-scheggia estratta dal più ampio lavoro Panorama, dal vivido impatto visivo, creata da Enrico Casagrande, Daniela Niccolò e Silvia Calderoni (anche in scena). Anche in Unravelling vein di Sissi lo spazio pubblico (Sferisterio, ore 19, sempre a ingresso libero) diventa palcoscenico di una performance che unisce corpo e paesaggio evocando un sottosuolo percorso da venature colorate.

Al suo esordio la visual-artist Asia Giannelli con RH negativo (oggi alle ore 18.30 e domani alle ore 19.30), un percorso intimo che intreccia vicende familiari e politiche, attraverso un dispositivo che combina due livelli visivi, una performance (Bottega Giorgetti, dalle ore 18.30 alle 19) e una video installazione in loop-projection dalle 19 alle 20.30. Iniziano oggi gli eventi speciali concepiti per la piazza: dalle 19 fino alle ore 23.00 in Piazza Ganganelli il pubblico potrà prendersi cura di sé attraverso i rituali del corpo Crypto Rituals, in un progetto ideato da Macao - centro per le arti, la cultura e la ricerca di Milano, che aggrega professioniste e professionisti del territorio che si occupano di benessere del corpo e della mente. Da un’acconciatura a un massaggio, da una manicure a una lettura di tarocchi, gli spettatori dotati della criptomoneta del Festival, Santa Coin, potranno usufruire di questi servizi, oltre acquistare biglietti, merchandising, cibo e bevande negli spazi del Festival.

Di Macao anche il dj-set sibylline sibling ceremony (ore 24, ingresso libero) sotto il magico chapiteau di Imbosco. Continuano gli eventi di Tamara Cubas con Multitud, Alessandro Sciarroni con Don’t be frightened of turning the page, Michelle Moura con FOLE, Ligia Lewis con minor matter e Francesca Grilli con Gold – rising version. Alla Biblioteca Comunale Antonio Baldini sono presenti le mostre Verso Santarcangelo 50 e Il cantiere del libro, aperte fino al 15 luglio. Dalle 18.00 a mezzanotte oggi e domani Piazza Marini sarà animata da un mercatino del riuso e dell’artigianato: Garage Sale, un cantiere creativo in cui s’incontrano produzioni artigianali e oggetti realizzati con materiali riciclati, abiti e oggetti di seconda mano, musica e fotografia.

Questa sera prende il via anche la rassegna di Cinema all’aperto (ogni sera a ingresso libero in Piazza Ganganelli, ore 21.30) incentrata anch’essa sul tema della paura, con la proiezione de Gli Uccelli di Hitchcock.
BIGLIETTERIA biglietteria_at_santarcangelofestival.com tel. 0541.623149 attivo dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 Ticket: da 4 € a 18 € Abbonamento a quattro spettacoli 40 €; a 10 spettacoli 90 € Biglietti sono in vendita online su www.santarcangelofestival.com e alla biglietteria in Piazza Ganganelli: dalle 10.30 alle 13 e dalle 17 alle 23. Info: www.santarcangelofestival.com / info_at_santarcangelofestival.com tel. 0541.626185 attivo dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.