Fisco: in Emilia-Romagna durante le Feste 'congelati' 17mila atti esattoriali

Mercoledì 27 Dicembre 2017
Foto di repertorio

Oltre 4700 le cartelle ferme fino al 7 gennaio nelle tre province romagnole: 1.675 a Rimini, 1531 a Forlì-Cesena e 1.424 a Ravenna

Sono 18mila gli atti esattoriali che sarebbero dovuti partire durante le feste di Natale e che, con l'eccezione di poco meno di mille considerati inderogabili, sono stati invece 'congelati' dall'Agenzia delle entrate. Il provvedimento ha l'obiettivo di non creare inutili disagi durante le festività natalizie evitando il recapito di richieste di pagamento durante questo periodo particolare dell'anno. Nelle due settimane tra Natale e la Befana sarà sospesa la notifica di 16.951 atti - oltre 4700 dei quali per il territorio romagnolo - mentre quelli che saranno inviati, perché inderogabili, sono circa 800. 

Per quanto riguarda i dati provinciali, al primo posto per numero di atti sospesi c'è Bologna con 3.404 cartelle e avvisi "congelati" durante le feste di Natale, seguita da Modena (2.417), Parma (2.000), Reggio Emilia (1.921), Rimini (1.675), Forlì Cesena (1.531), Ferrara (1.432), Ravenna (1.424) e infine Piacenza con 1.147.

Nella classifica delle regioni l'Emilia Romagna si colloca al sesto posto dopo la Toscana (19.566) e prima della Puglia (15.440). Per evitare sorprese, i contribuenti possono utilizzare i servizi di Agenzia delle entrate-Riscossione, alternativi allo sportello, che consentono di avere sempre sotto controllo la propria situazione debitoria, di essere avvisati prima dell'arrivo di una cartella oppure di verificare direttamente dal proprio pc, smartphone e tablet, o anche da uno sportello bancomat abilitato, l'esistenza di eventuali richieste di pagamento. Tutte le informazioni si trovano sul sito.