Furti nel centro commerciale Romagna Shopping Valley, denunciate a piede libero sette persone

Martedì 13 Giugno 2017 - Cesenatico, Savignano sul Rubicone, Sogliano al Rubicone
Il centro commerciale Romagna Shopping Valley di Savignano Mare (foto d'archivio)

Intensa attività dei carabinieri per combattere i reati contro il patrimonio

Proseguono le attività dei carabinieri volte a reprimere i reati contro il patrimonio. Negli ultimi giorni, infatti, sono state denunciate a piede libero sette persone da parte dei Comandi dipendenti dalla Compagnia di Cesenatico, come spiega un comunicato stampa dell'Arma.

In particolare, i militari della Stazione di Savignano sul Rubicone, al termine di accertamenti, hanno denunciato per tentato furto aggravato un quarantasettenne, albanese, pregiudicato, residente a Cesenatico, in quanto tentava di asportare un paio di sandali all’interno di un negozio situato nel centro commerciale Romagna Shopping Valley; il reato non è stato portato a termine a causa dell’immediato arrivo di una pattuglia dei carabinieri.

Gli stessi militari hanno denunciato per furto aggravato in concorso un diciottenne, incensurato, nato in Ecuador, residente a Bellaria e una quattordicenne, incensurata, residente a Gatteo, in quanto, all’interno di un noto negozio del centro commerciale Romagna Shopping Valley, asportavano alcuni capi di abbigliamento per un valore complessivo di 20 euro. La merce veniva recuperata e restituita al legittimo proprietario.

I militari della Stazione di Sogliano al Rubicone, al termine degli accertamenti, hanno denunciato per tentato furto aggravato una trentunenne albanese, residente a Gambettola, nubile, disoccupata, incensurata, regolare sul territorio nazionale, in quanto tentava di asportare alcuni capi di abbigliamento all’interno del medesimo punto vendita; la merce, recuperata, veniva restituita al legittimo proprietario.

I militari della Stazione di Cesenatico, infine, a conclusione di indagini, hanno denunciato in stato di libertà per rapina in concorso un nucleo familiare di nomadi, composto da madre trentanovenne e due figli, una quattordicenne e un sedicenne, domiciliati a Rimini, con numerosi precedenti penali: all’interno di un negozio del medesimo centro commerciale, dopo essersi impossessati di vari capi di abbigliamento, per un valore di più di 100 euro, al fine di procurarsi l’impunità, prima dell’immediato arrivo dei militari in pattuglia, minacciavano la commessa.