Maxiriqualificazione in centro storico a Savignano sul Rubicone: si spenderanno circa 700mila euro

Lunedì 29 Gennaio 2018 - Savignano sul Rubicone
I lavori in corso in via Don Minzoni a Savignano sul Rubicone

Mezzi al lavoro per la prima fase partendo da via Don Minzoni, poi si passerà a piazza Faberi, via Ponte Lavatoio e all'alveo del Rubicone

Il maxi progetto di riqualificazione del centro storico di Savignano sul Rubicone è partito in questi giorni con l'apertura del primo e più corposo cantiere, da 480mila euro: il rifacimento di via Don Minzoni, interessata dai lavori con chiusura progressiva di tre diversi tratti. Passo successivo saranno poi via e piazza Faberi: anche in questo caso, con un investimento da 160mila euro.La piazza rimarrà destinata a parcheggio, con 42 stalli per auto (due per disabili) e 13 spazi per motocicli. Con un investimento di 60mila euro verranno rifatti i gradini in ciottoli, così come l'arco murario che sovrasta il passaggio di via Ponte Levatoio, il collegamento pedonale tra piazza Castello e piazza Amati.



E' via Don Minzoni la prima area del centro storico di Savignano sul Rubicone interessata dai lavori del Masterplan, il maxi progetto di riqualificazione del centro partito in questi giorni con l'apertura del cantiere: primo e più corposo step, da 480mila euro, è infatti il rifacimento di via Don Minzoni, interessata dai lavori con chiusura progressiva di tre diversi tratti. Tecnici all'opera quindi per il rifacimento della rete dei sottoservizi, a cui seguirà la ripavimentazione della sede stradale da corso Perticari a viale della Libertà. Per incrementarne la sicurezza sull'intero tracciato stradale verrà realizzato un passaggio pedonale in porfido su entrambi i lati, con particolare attenzione alle aree più frequentate dalle persone: in corrispondenza della caserma dei carabinieri e dell'asilo Vittorio Emanuele II. Anche l'illuminazione sarà completamente rinnovata grazie a un nuovo impianto a led, mentre carpini verdi su entrambi i lati garantiranno ombra e areazione. Per permettere lo svolgimento dei lavori alcune bancarelle del mercato del martedì mattina sono già state trasferite nella vicina piazza Giovanni XXIII.

Passo successivo saranno poi via e piazza Faberi: anche in questo caso, con un investimento da 160mila euro, ci saranno nuove fognature, impianto di illuminazione rinnovato, percorsi protetti e la novità di un elemento verde (un'aiuola alberata illuminata dal basso) a dare ossigeno al centralissimo spazio urbano. La piazza rimarrà infatti destinata a parcheggio, con 42 stalli per auto (due per disabili) e 13 spazi per motocicli, ma appositi camminamenti valorizzeranno le attività commerciali. Anche il marciapiede attiguo verrà rifatto in porfido, portandone la larghezza da 1,20 a 2,20 metri.

Fa parte di questa tranche di lavori anche via Ponte Levatoio, il collegamento pedonale tra piazza Castello e piazza Amati. Con un investimento di 60mila euro verranno rifatti i gradini in ciottoli, così come l'arco murario che sovrasta il passaggio. Anche in questo caso nuovo impianto di illuminazione, di pari passo con l'installazione di una bacheca espositiva laterale. Infine l'alveo del Rubicone, già interessato negli anni scorsi dalle opere di messa in sicurezza e regimazione: l'accesso da via Mura, interamente riqualificato, permetterà di accedere alla riva sinistra, che verrà “riorganizzata” a gradoni verdi, con illuminazione notturna, per poter ospitare eventi conviviali e di spettacolo, come già sperimentato in occasione de “La DolceEstate”.