Responsabile di truffa in Germania, doveva scontare 5 anni: 36enne trovato a Sogliano al Rubicone

Venerdì 1 Dicembre 2017 - Sogliano al Rubicone
Foto di repertorio

I Carabinieri di Sogliano al Rubicone, nella tarda serata del 24 novembre, hanno individuato e arrestato A.A., originario del napoletano, 36enne separato, disoccupato e convivente, con precedenti vari per reati contro il patrimonio commessi sia in Italia che all’estero e che era attualmente domiciliato a Sogliano. 

 

La misura restrittiva è stata eseguita in ottemperanza a un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere inerente a un mandato di arresto europeo emesso dalla Corte d’appello di Napoli, in il 21 novembre. Tale provvedimento è conseguente a un mandato di arresto europeo emesso dal Pretore di Wurzburg (Germania) il 24 maggio 2015, al quale l’uomo si era sottratto facendo perdere più volte le proprie tracce dal domicilio dichiarato per la sua reperibilità in Italia. La sanzione penale è stata emessa in relazione ad un reato di truffa commesso dal 28 luglio 2014 alla fine del mese di ottobre 2014 a Wurzburg per l’omesso pagamento fraudolento di bevande per un valore di 60.000 euro circa in danno di una catena di supermercati tedesca e per il quale l’Autorità Giudiziaria tedesca lo condannava alla pena massima di anni 5. Al termine degli adempimenti di rito, l’uomo, dopo una notte trascorsa presso le camere di sicurezza del Comando Carabinieri di Cesenatico, è stato portato alla Casa Circondariale di Forlì. Nella giornata di ieri è stato estradato in Germania.