Sanità. Mappatura 3d: un nuovo sistema non invasivo per la diagnosi dei ritmi cardiaci irregolari

Mercoledì 9 Maggio 2018
Fonte Ansa

Il dispositivo CardioInsight di Medtronic è stato usato per la prima volta da Saverio Iacopino e dall'equipe del Gvm Research Group al Cecilia Hospital di Cotignola

Un nuovo sistema non invasivo per la diagnosi dei ritmi cardiaci irregolari, le aritmie. È una sorta di giubbotto dotato di 252 sensori che è in grado di fornire una mappatura 3d del cuore in tempo reale, anche con un singolo battito. La notizia è riportata oggi, mercoledì 9 maggio, sull'Ansa. Il dispositivo CardioInsight di Medtronic è stato usato per la prima volta in Italia da Saverio Iacopino e dall'equipe del Gvm Research Group a Villa Maria Cecilia Hospital di Cotignola, in provincia di Ravenna.


È il primo sistema di mappaggio elettro-anatomico non invasivo del cuore, approvato dalla Food and drug administration Usa, e presentato a Bologna al Congresso dell'Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione (Aiac). 

L'esame tradizionale prevede approccio invasivo, l'inserimento di un sondino nel cuore tramite arteria o vena per individuare l'origine dei ritmi irregolari. Il sistema registra i segnali elettrocardiografici Ecg e li combina con i dati di una Tac. Basta un singolo battito per creare le mappe cardiache in 3d di entrambi gli atri e di entrambi i ventricoli.