Sanità. Stabilizzazioni dei medici e dei dirigenti sanitari: firmato l’accordo regionale

Sabato 5 Maggio 2018

Ora le Aziende Sanitarie della Regione potranno iniziare a pubblicare i bandi e formulare le graduatorie per le assunzioni

L’accordo firmato in Regione ieri, venerdì 4 maggio, - fa sapere UIL FPL Emilia Romagna – “prevede la stabilizzazione e quindi l’assunzione a tempo indeterminato, nel triennio 2018/2020, per moltissimi professionisti che da tempo lavorano presso le strutture sanitarie della nostra Regione con contratti a tempo determinato o con contratti “atipici” come ad esempio i contratti libero-professionali”.

 

“Questo importante risultato, - prosegue UIL FPL Emilia Romagna – che segue all’accordo sulla stabilizzazione di infermieri, tecnici sanitari, ecc…, già sottoscritto lo scorso 28 dicembre è frutto del lavoro messo in atto prima a livello nazionale con l’accordo tra CGIL, CISL, UIL e Ministero della Funzione Pubblica del 30 novembre 2016 sulla riduzione del precariato e successivamente della coerenza con la quale le organizzazioni sindacali hanno valorizzato la volontà di rimettere al centro il lavoro e la buona occupazione da parte della Regione Emilia Romagna, a partire dal patto per il lavoro”.

 

“L’accordo di ieri - conclude UIL FPL Emilia Romagna – consegnerà a tutte le Aziende Sanitarie della Regione la possibilità di dare stabilità ai medici e ai dirigenti sanitari che hanno maturato competenze ed esperienze all’interno del servizio sanitario evitando, in questo modo, di disperdere un patrimonio di conoscenze e di investimenti in formazione che sono stati effettuati in questi anni. L’accordo prevede anche un Osservatorio Regionale che dovrà monitorare questa importante operazione di stabilizzazione al fine di dare tutto il supporto perché eventuali problematiche o difficoltà siano affrontate e risolte tempestivamente con omogeneità sull’intero territorio regionale”.