Scuola. “Sicuri si cresce”: a lezione di protezione civile tra droni e elicotteri a Savignano

Venerdì 3 Maggio 2019 - Savignano sul Rubicone
Dopo la prima edizione, nel 2018, dedicata all’acqua, quest’anno si approfondisce il tema “aria”

Sabato 4 e domenica 5 maggio per oltre 60 adolescenti due giorni di addestramento e socializzazione in un vero e proprio accampamento di emergenza, con simulazione di intervento e gestione di un’ipotetica situazione di calamità

Notte in branda e alzabandiera, ma soprattutto simulazione di salvataggio di un disperso in zona fiume, elicotteri e droni: per 180 ragazzi a Savignano il weekend del 4 e 5 maggio sarà l’occasione per vivere l’esperienza di un vero e proprio accampamento di emergenza, con simulazione di intervento e gestione di un’ipotetica situazione di calamità. Due giorni di training tra montaggio delle tende, allestimento della cucina da campo e gestione della segreteria di emergenza organizzati dal gruppo comunale di Protezione civile di Savignano al termine del percorso “Sicuri si cresce”, condotto durante l’anno scolastico con le terze medie della scuola Giulio Cesare. 

Dopo la prima edizione, nel 2018, dedicata all’acqua, quest’anno si approfondisce il tema “aria”: sabato mattina tutte le classi terze potranno assistere alle dimostrazioni del Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico, del gruppo elicotteri dei Carabinieri e dei droni utilizzati dalla Polizia locale dell’Unione Rubicone e Mare. Gli elicotteri sorvoleranno i cieli di Savignano atterrando così al campo che verrà allestito in corrispondenza della palestra dell’Istituto Marie Curie.

Fin dal primo pomeriggio sessanta ragazzi monteranno le tende, parteciperanno alle attività di sicurezza e addestramento, impareranno nodi e imbragature grazie al coinvolgimento di tantissime realtà del territorio: oltre ai volontari locali della Protezione civile ci sarà il gruppo comunale Cesena e il coordinamento provinciale Forlì-Cesena, nonché l’agenzia regionale per la Protezione civile, e ancora la Pubblica assistenza, la Croce Rossa, l’Avis, il Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico. Nutrita anche la delegazione delle forze dell’ordine con Carabinieri, Vigili del fuoco, Guardia di finanza e Polizia locale dell’Unione Rubicone e Mare.

Giunta la sera i ragazzi, divisi in due squadre, provvederanno all’allestimento della mensa e, dopo cena, al riordino con particolare attenzione alla raccolta differenziata, per poi godersi insieme una serata di giochi e risate. Domenica mattina, dopo colazione e alzabandiera, l’addestramento si sposta lungo il fiume Rubicone per l’attività di ricerca di una persona dispersa con unità cinofile e droni, con il coinvolgimento del centro soccorso sub Zocca. Una volta rintracciato il disperso, la Pubblica assistenza mostrerà come soccorrere un ferito.

Il debriefing post evento, infine, permetterà ai ragazzi di focalizzare meglio quanto accaduto approfondendo le attività di psicologia dell’emergenza. Smontato il campo e ammainata la bandiera, la mattinata si concluderà con la cerimonia di consegna dei diplomi, che sarà occasione anche per inaugurare il nuovo fuoristrada acquistato grazie al contributo della cooperativa Il Solco, di Linea sterile e del Romagna shopping valley. L'evento è inoltre realizzato con il contributo di Iper Rubicone e con la collaborazione di Around sport e Istituto superiore Marie Curie.