Tagli alla Sicurezza. Il Siulp: "A Cesenatico il posto di Polizia è stato aperto solo un mese"

Lunedì 20 Agosto 2018 - Cesenatico

Il SIULP (Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia) Forlì-Cesena contesta duramente la scellerata decisione del Ministero dell’Interno che ha imposto di tenere aperto il posto di Polizia estivo di Cesenatico per un solo mese (dal 20 luglio al 20 agosto) e deciso di inviare solo 5 agenti come rinforzo.


“Non eravamo mai caduti così in basso - afferma il Segretario provinciale Roberto Galeotti - nell’aprire un posto di Polizia estivo così importante, come quello di Cesenatico e collocato in una posizione strategica per un solo mese e, ancora più paradossale, decidere di rinforzarlo con solo 5 aggregati dagli uffici ministeriali, (prima d’ora non si era mai scesi sotto i 12/15 rinforzi dai reparti fuori provincia. Questa assurda scelta dipartimentale ha di fatto costretto ad ulteriori ed encomiabili sacrifici il personale in servizio nella Questura di Forlì e il Commissariato di Cesena, è bene ricordare che negli ultimi anni i poliziotti in servizio presso questi reparti sono diminuiti del 30% a causa dei pensionamenti e solo una piccolissima parte è stata avvicendata; nonostante questo, il controllo del territorio a Cesenatico è stato garantito solo in alcune fasce orarie della giornata. Non va dimenticato che lo stesso esiguo numero di poliziotti, erano giornalmente impiegati (mattina e sera) anche nei controlli documentali per il traghetto “Cesenatico-Croazia e ritorno”.


"Ma ha senso tenere aperto un posto di Polizia estivo con un numero irrisorio di aggregati?" – si chiede il segretario del SIULP  che provocatoriamente afferma che "i vertici del Dipartimento non possono continuare a scaricare le difficoltà, dovute alla riduzione del personale e al taglio delle risorse, ai reparti periferici. Deve avere il coraggio di prendere decisioni serie ed eventualmente affermare che non può più garantire standard efficaci di sicurezza a favore dei cittadini e dei turisti che affollano anche i luoghi di vacanza. A breve la Segreteria provinciale del SIULP chiederà un incontro con il Prefetto di Forlì-Cesena e i parlamentari locali, al fine di ribadire le criticità dei poliziotti/e in servizio nella provincia, oltre a sollecitare la Segreteria nazionale SIULP ad intervenire negli uffici dipartimentali competenti".