Tre persone denunciate "in stato di libertà" per reati contro il patrimonio dai CC di Longiano

Mercoledì 28 Marzo 2018 - Cesenatico, Longiano

I militari della Stazione di Longiano, al termine di indagini, hanno denunciato in "stato di libertà" tre persone, nell’ambito del rafforzamento delle attività di repressione dei reati contro il patrimonio.

Il primo è stato deferito per furto aggravato. Si tratta di un cinquantenne di origine italiana, residente a Gambettola, con numerosi precedenti per reati vari, che è stato identificato mentre era intento a caricare su un proprio mezzo - nelle notti del 25 gennaio e del 1° febbraio scorsi - materiale trafugato presso l’isola ecologica in località Budrio di Longiano. 

 

Sempre i militi della stazione di Longiano hanno denunciato per truffa aggravata in concorso due persone di nazionalità italiana: un quarantottenne ed un trentanovenne, il primo residente a Padova e il secondo in provincia di Roma, titolare di una ditta adibita alla rivendita di automobili nel capoluogo veneto.

I due, entrambi pluripregiudicati sempre per reati contro il patrimonio, avevano contrattato la vendita - attraverso un noto sito internet - di un veicolo per l’importo di  40mila euro. Al termine della trattativa, però, che prevedeva anche la permuta di altro mezzo, secondo quanto emerso dalle indagini dei Carabinieri, la persona offesa, una cinquantaquattrenne residente a Cesena, convinta dai due a versare 20mila euro a titolo di caparra con tre bonifici distinti, è rimasta con un palmo di naso senza danaro e senza l'automobile oggetto della contrattazione.

Scoperti dai militari dell'Arma, come detto, i due sono stati denunciati all'autorità giudiziaria.